Tutto quello che il Presidente e il segreto di: John F. Kennedy e il morbo di Addison

luglio 12, 2019
4 min leggere

Salva

aggiungi per AGGIUNGERE un ARGOMENTO DI AVVISI e-MAIL
Ricezione di una e-mail quando nuovi articoli vengono pubblicati su
si Prega di fornire il vostro indirizzo e-mail per ricevere una e-mail quando nuovi articoli vengono pubblicati su .,

Iscriviti

AGGIUNTO AGLI AVVISI VIA EMAIL
Hai aggiunto con successo ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail

Hai aggiunto con successo ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail
Torna a Healio
Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Riprova più tardi. Se si continua ad avere questo problema si prega di contattare customerservice @ slackinc.,com.
Torna a Healio

Lee R. Mandel

Non è un segreto che l’America, come tanti altri paesi e culture, sia stata a lungo ossessionata dalla vitalità e dalla giovinezza.

È facile pensare che questa ossessione si sia fatta strada nella politica presidenziale solo di recente, con l’avvento dei social media, dove gli influencer adolescenti e ventenni stanno facendo milioni in gran parte basati sul loro aspetto., I video del presidente Barack Obama che gioca a basket distribuiti attraverso Facebook e YouTube senza dubbio hanno contribuito alla sua immagine di giovane uomo sano, una persona che lo ha aiutato a vincere la Casa Bianca nel 2008.

Tuttavia, gli storici casuali e seri capiscono che questa tendenza si estende almeno fino al 1960, quando l’immagine abbronzata e vigorosa del presidente John F. Kennedy faceva parte dell’equazione che lo ha inaugurato alla sua vittoria elettorale. Questo, insieme al fatto che, a 43 anni, Kennedy era l’uomo più giovane mai eletto presidente., Tuttavia, l’ironia è che il presidente Kennedy ha avuto una delle storie mediche più complicate di chiunque abbia mai ricoperto l’incarico, trascorrendo gran parte del suo mandato a Washington e gli anni precedenti, con una presa tenue su diverse condizioni potenzialmente debilitanti.

Il punto cruciale della storia è la diagnosi della malattia di Addison che Kennedy ricevette nel 1947 all’età di 30 anni, secondo diversi rapporti, tra cui un articolo pubblicato da Lee R. Mandel, MD, MPH, Capitano nel Corpo medico della Marina degli Stati Uniti, (Ret.)., Il medico e scienziato inglese, Thomas Addison, propose per la prima volta questa sindrome poliendocrina nel 1849, e poi pubblicò un articolo nel 1856 che descriveva le “capsule soprarenali”, che ora sono conosciute come le ghiandole surrenali.

Adam J. Brown

I pazienti con questa condizione hanno ghiandole surrenali che non riescono a produrre cortisolo e aldosterone e possono sperimentare affaticamento, vertigini, debolezza muscolare, perdita di peso, difficoltà in piedi, nausea e sudorazione, nonché cambiamenti di umore e personalità.,

Ma forse il segno più eloquente della malattia è all’esterno, secondo Adam J. Brown, MD, medico associato del dipartimento di malattie reumatiche e immunologiche presso la Cleveland Clinic, che ha discusso l’argomento sul podcast Healio Rheuminations. “Il Dr. Thomas Addison ha avuto un certo interesse per la pelle, che si è rivelata molto utile, poiché ha riconosciuto le caratteristiche cutanee dell’insufficienza surrenalica”, ha detto Brown. “È importante sottolineare che tutti questi pazienti hanno avuto iperpigmentazione della pelle.,”

Ironicamente, allora, la famosa abbronzatura del presidente Kennedy era il segno non di un uomo in forma e all’aria aperta, ma di qualcosa di molto più scuro e più pericoloso.

Mantenere un coperchio su

Le prime incursioni del presidente Kennedy nella sfera politica furono segnate da timori per la salute. Crollò dopo una parata a Boston mentre correva per il Congresso nel 1945, con aiutanti che in seguito rimarcarono che “divenne giallo e blu”, secondo Mandel.,

Dopo essere crollato durante una visita in Inghilterra nel 1947, il medico diagnostico ha commentato ad un amico di Kennedy, “Quel giovane amico americano del tuo, non ha un anno di vita”, ha riferito Mandel. Tuttavia, la storia che il campo di Kennedy ha detto al pubblico per quanto riguarda l’incidente in Inghilterra era che era una ricorrenza della malaria ha contratto mentre stazionava nel Pacifico durante la seconda guerra mondiale. Kennedy successivamente ha cominciato il trattamento con l’ormone surrenale sintetico desoxycorticosterone acetato (DOCA)., Nel 1950, quando il cortisone divenne più ampiamente disponibile, Kennedy aggiunse una dose di 25 mg al suo regime giornaliero.

PAGE BREAK

Nel 1954, il futuro presidente subì un intervento chirurgico alla schiena per alleviare il suo persistente mal di schiena, nonostante le potenziali complicazioni che avrebbero potuto derivare dalla sua diagnosi di malattia di Addison. Infatti, è stato afflitto da problemi alla schiena per tutta la sua vita, che aggiunge un altro strato di complessità alla sua storia di salute.

Ma questo intervento non è stata l’unica complicazione che è sorto durante la metà degli anni 1950., Gli è stato diagnosticato un ipotiroidismo durante un ricovero a New York nel 1955, ed è stato riferito che ha subito una terapia con liothyronine durante la sua presidenza. Forse ancora più importante, molti clinici successivi che hanno acquisito familiarità con le cartelle cliniche di Kennedy hanno determinato che la diagnosi più appropriata per le sue miriadi di complicanze endocrine è la sindrome poliendocrina autoimmune di tipo 2 (APS 2).,

Tutto ciò portò gli avversari politici del futuro Presidente, durante la campagna del 1960, a sollevare interrogativi sia sulla malattia di Addison sia sulla possibilità di un insabbiamento sistemico da parte del campo Kennedy. È qui che entra in gioco un’associazione tra la malattia di Addison e la tubercolosi; mentre quasi l ‘ 80% dei casi di malattia di Addison sono il risultato di un’eziologia autoimmune — che era il caso del presidente Kennedy — la tubercolosi è associata in circa il 10% dei casi.,

“Durante le elezioni presidenziali del 1960, ovviamente, non voleva che la gente sapesse di avere la malattia di Addison, ma i media hanno sentito la possibilità, quindi hanno chiesto a suo fratello, Robert F. Kennedy, una dichiarazione”, ha detto Brown.

Nella dichiarazione, Robert Kennedy ha osservato che suo fratello “non ha ora né ha mai avuto un disturbo descritto classicamente come la malattia di Addison, che è una distruzione tubercolosa della ghiandola surrenale”, secondo i rapporti storici.

“Vedi quanto è astuto?”Disse Brown. “Non sta negando di aver avuto la malattia di Addison., Nega di aver avuto la malattia di Addison causata dalla tubercolosi. Non è esattamente sdraiato qui, ma sembra che stia dicendo che JFK non ha avuto la malattia di Addison, quando in realtà ha fatto.”

Questa affermazione è stata sufficiente per costringere gli oppositori del futuro presidente a rinunciare a questo aspetto del loro attacco. – di Rob Volansky

Mandel LR, et al. Ann Stagista Med. 2009; doi:10.7326 / 0003-4819-151-5-200909010-00011.

Divulgazione: Brown e Mandel non riportano informazioni finanziarie rilevanti.,

per saperne di più su:

aggiungi per AGGIUNGERE un ARGOMENTO DI AVVISI e-MAIL
Ricezione di una e-mail quando nuovi articoli vengono pubblicati su
si Prega di fornire il vostro indirizzo e-mail per ricevere una e-mail quando nuovi articoli vengono pubblicati su .

Iscriviti

AGGIUNTO AGLI AVVISI VIA EMAIL
Hai aggiunto con successo ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.,
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail

Hai aggiunto con successo ai tuoi avvisi. Riceverai un’e-mail quando viene pubblicato un nuovo contenuto.
Clicca qui per gestire gli avvisi e-mail
Torna a Healio
Non siamo stati in grado di elaborare la tua richiesta. Riprova più tardi. Se si continua ad avere questo problema si prega di contattare [email protected]
Torna a Healio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *